C'È ANCHE UN PILOTA CHE LO FA VOLARE

Come ex giornalista, includerò l'"ex" come tributo a un vincitore del premio Pulitzer da cui ho spesso preso ispirazione. Nonostante l'ex o no, ho scoperto che il vecchio adagio "una volta giornalista per sempre giornalista" non è solo un cliché. È semplicemente nel DNA di un giornalista. Come ex giornalista e produttore radiofonico di hard news, quando J-2000 di Jetoptera, nella foto si è rotta sul mio laptop, ho semplicemente dovuto arrendermi e dargli la priorità.

Come primo articolo su questo blog, stavo per scrivere un meritato resoconto su Risen, prodotto da Porto Aviation, che ha battuto il record mondiale di velocità non una, ma due volte, solo per essere sicuro. L'aereo della meraviglia è chiaramente evidenziato nella galleria fotografica di Planes & Sails. Tuttavia, quando il J-2000 è esploso sullo schermo del mio laptop, ributtandomi indietro in più tempo di quanto mi piaccia ricordare, mi ha costretto a considerare questa "apparizione" come una Breaking News, proprio come ai vecchi tempi, uno spasmo delle dita e la tastiera era in fiamme. L'adagio non è decisamente un cliché!

Alcuni mesi fa, il 18 febbraio 2021 per la precisione, l'umanità ha atterrato su Marte con il suo ultimo rover meccanico, "Perseverance". Sicuramente materiale da prima pagina nella corsa verso la Luna tra Occidente e Oriente nell'era di Reagan, ma oggi, una semplice increspatura. Sarebbe bastato avvistare un marziano per cambiare le cose in questo millennio! D'altra parte, l'eccitazione e la reazione tipo stravagante che ho provato quando ho visto questa foto, mi ha fatto sobbalzare sulla sedia come se fossi ancora nel business della carta. Ammettiamolo, rispetto anche ai giorni dello sbarco sulla luna di Armstrong negli anni '60, quello che c'è sotto potrebbe essere solo il frutto del sogno più sfrenato o di una notte incredibilmente pazza!

Perché WOW? Bene, guardalo. Niente eliche, niente motori a reazione che possano essere riconosciuti come tali, niente che assomigli vagamente a un aereo tradizionale come lo conosciamo oggi. Il futuro è già qui offerto da Jetoptera, una società con sede a Seattle, con il suo velivolo a decollo verticale (VTOL) J-2000 visionario. Contrariamente ai più tradizionali aeroplani interurbani, o auto volanti come vengono spesso chiamati, il Jetptera non ha eliche visibili che girano per produrre una spinta multidirezionale, ma ha un proprio sistema di propulsione fluida o FPS per i suoi amici. Il Jetoptera per la tranquillità di molti, ha una sorta di ali, anche se forse winglets sarebbe un termine più appropriato nel gergo di oggi.

Sebbene i VTOL siano sempre sembrati la risposta migliore per abolire la necessità di vaste aree con lunghe piste, sono stati principalmente concepiti per scopi militari con grande successo del conglomerato britannico Hawker Siddeley, in particolare, attraverso l'Harrier Jet della RAF . Al giorno d'oggi, tuttavia, con l'impennata di una maggiore mobilità alternativa, gli aerei VTOL sono concepiti per battere le pesanti congestioni del traffico nelle città metropolitane invece di sorvolare le zone di guerra.

Sembra siano passati anni luce da quando le macchine volanti sono state immaginate in un futuro sconosciuto nella memorabile serie TV "Flintstones" e mi chiedo come effettivamente avrebbe reagito Leonardo da Vinci, il capostipite di tutto questo vedendo dove la sua prima idea di una macchina volante ci ha preso oggi. Senza dubbio dovremo aspettare un po' prima che il J2000 cresca dalle sue attuali dimensioni di prova in miniatura per essere pronto per i nostri garage, ma non vedo davvero l'ora di indossare la mia polo "Proud to fly J2000" .... puoi😊

 

Michael E.L. Sala

Aerei e vele fondatori

 www.planesandsales.com 

 https://www.youtube.com/watch?v=Z8ARFa7HE3c

 

 


Articolo più recente


Lascia un commento